Stage Opera della Mediazione 28-29 settembre 2019

teatro

Uno stage di 2 giornate per conoscere una inedita proposta che unisce il Teatro dell’Oppresso alla Mediazione Umanistica per la prevenzione e risoluzione dei conflitti. Si tratta di un metodo con diversi ambiti di applicazione: dalla mediazione familiare a quella scolastica, dalla mediazione aziendale e quella sociale e penale.

Il punto focale del metodo è la consapevolezza del problema che avviene attraverso una vera e propria messa in scena del conflitto da entrambi i punti di vista: questo consente non solo di “mettersi nei panni dell’Altro” ma di sentire che (all’interno della Krisis proposta da Jacqueline Morineau e grazie ad esercizi teatrali proposti da Augusto Boal) è possibile insieme trovare soluzioni per risolvere il problema comune.

Lo stage si svolgerà a Milano in via Lanzone 36 (facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici), sabato e domenica 28 e 29 settembre dalle 9.30 alle 18.00.  E’ rivolto a studenti, mediatori, insegnanti, psicologi, pedagogisti, assistenti sociali. E’ composto da una parte teorica, dove analizzare gli elementi costitutivi della proposta, e una pratica ricca di attività e esperienze dirette per sperimentare l’applicazione concreta dell’Opera della Mediazione. La conduzione è affidata a Debora Civello, mediatrice relazionale e ideatrice della proposta.

La due giorni ha un costo promozionale di 50,00 euro potendo usufruire del contributo del 5 x 1000. E’ rivolta ai soci iscritti a Snodi nel 2019 (per essere associati, per chi ancora non lo fosse, la quota è 60,00 euro). Ricordiamo che l’adesione all’associazione permette di partecipare a tutte le iniziative previste per l’autunno, anche queste a costi particolarmente agevolati: questo per poter permettere una maggiore facilità di accesso ad una serie di iniziative innovative e sperimentali previste in questa annualità e legate al mondo della mediazione umanistica.

Per partecipare occorre inviare una mail a snodiaps@gmail.com per verificare la disponibilità dei posti (l’evento è a numero chiuso con un massimo di 15 partecipanti) e per ricevere le indicazioni per iscriversi.

Tre appuntamenti tutti da scoprire: autunno 2019

lampadine-snodi

Snodi torna con la sua proposta per l’autunno 2019 con 3 eventi innovativi.

Partiremo con uno stage di 2 giornate a SETTEMBRE con una integrazione tra mediazione umanistica e teatro. SABATO E DOMENICA 28 E 29 SETTEMBRE a Milano la formatrice Debora Civello ci accompagnerà alla scoperta dell’Opera della Mediazione: una interessante combinazione del modello Morineau e del Teatro dell’Oppresso. Qui maggiori dettagli sulla proposta e indicazioni pratiche per la partecipazione.

A ottobre e novembre ci saranno due appuntamenti sempre a Milano di una intera giornata (sabato dalle 9.30 alle 18.00) che mettono insieme alcune richieste che in questi anni i soci hanno portato all’associazione. Anche qui a breve avremo specifici post che presentano le iniziative.

SABATO 26 OTTOBRE avremo una autoformazione incentrata sulla fase di preparazione di una mediazione dei conflitti. Si tratta dell’approfondimento del momento di contatto iniziale con le parti, l’incontro preliminare, gli aspetti organizzativi che portano all’incontro di mediazione. Una serie di aspetti sui quali diversi mediatori o aspiranti tali si interrogano per mantenere una coerenza con il modello Morineau e l’efficacia del processo. Massimiliano Anzivino condurrà il gruppo in questa ricerca che alternerà momenti di sperimentazione e di rielaborazione proponendo l’approccio sperimentato da Snodi e da altri enti in questi anni.

SABATO 30 NOVEMBRE invece andrà in scena una giornata completamente sperimentale che ha l’ambizione di consolidarsi come un momento periodico di lavoro anche per il 2020: tratteremo, con la conduzione dei formatori dell’associazione, una mediazione portata da un partecipante nei tempi e nelle modalità previste in un reale contesto di gestione del conflitto, andando oltre il mero gioco di ruolo che tradizionalmente viene sviluppata nei contesti formativi di mediazione umanistica. Verrà utilizzata una spalla (un altro partecipante che impersonerà la controparte) ma sappiamo quanto anche in questo modo l’esperienza possa essere molto produttiva per affrontare una situazione di conflittualità interpersonale. L’incontro avrà quindi una importante parte sperimentale, sia per i confliggenti che per i mediatori, e una parte di rielaborazione dell’esperienza vissuta e osservata dai partecipanti.

Tutti gli eventi come di consueto prevedono un numero limitato di partecipanti (15 persone) per mantenere un clima adeguato e un alto coinvolgimento operativo. Inoltre, grazie al contributo del 5 x 1000, tutti gli eventi vengono proposti con una quota di partecipazione promozionale:

-50,00 per lo stage di due giorni di settembre

-20,00 euro per ognuna delle due giornate singole di ottobre e novembre.

L’obiettivo è di permettere a più persone possibili di avvicinarsi o approfondire l’ampia tematica della mediazione umanistica sulla quale la ricerca è ancora molto aperta.

Per iscrizioni e informazioni snodiaps@gmail.com